martedì 8 aprile 2008

La magia dei simboli...


Triquetra


Triquetra


Triskele

La Triquetra è un simbolo celtico dai diversi significati. Le streghe lo indossano come protezione, riconoscendo in esso il significato della triplice divinità femminile.
Oltre che la triplice Dea, nelle vesti di fanciulla, madre e anziana, nel "nodo" si possono riscontrare anche i tre elementi alchemici quali sale, zolfo e mercurio, ritenuti i responsabili della manifestazione materica del mondo.
Affianco a questa figura, se ne trova un'altra, il Triskele, i cui significati, per certi versi, possono essere associati a quelli della Triquetra; ne posterò alcuni trovati in internet, tra i più attendibili e curiosi allo stesso tempo...

TRISKELE


Chiamato anche triscele o triskellion (dal greco tre gambe) è il simbolo celtico più conosciuto. Racchiude in sé il potere del numero Tre (vedi Numeri). Se, a partire dal centro del simbolo, le tre spirali che lo formano si avvolgono su loro stesse da destra verso sinistra, rappresenta il turbinare delle energie dall'interno verso l'esterno, la manifestazione; se invece si sviluppano da sinistra verso destra
simboleggia il discendere nei mondi inferi (dal latino in-fero "ciò che si porta in sé"). Ha diversi significati e rappresenta:
1) La Triplice Manifestazione del Dio Unico: Forza, Saggezza e Amore e quindi le tre classi della società celtica che incarnavano tali energie, Guerrieri, Druidi e Produttori.
2) I Tre Cerchi della manifestazione o dell'esistenza: Ceugant, il Mondo dell'Assoluto; Gwynwydd, il Mondo Spirituale dell'Aldilà e Abred, Mondo Umano o della Prova.
3) All'interno di Abred il simbolo dei tre aspetti del mondo materiale: Terra (cinghiale), Acqua (Salmone), Cielo (Drago) che con il loro movimento si riuniscono tutti nel quarto elemento, il Fuoco,
simboleggiato dal cerchio che racchiude il triskele.
4) Il Passato, il Presente e il Futuro riuniti in realtà al centro in un unico Grande ed Eterno Ciclo chiamato Continuo Infinito Presente, in cui tutto esiste contemporaneamente. Si riesce così a comprendere come, durante la festa di Samhain del 1° novembre i Celti potessero incontrare i loro antenati defunti, ma anche i loro discendenti non ancora nati.
5) Le tre fasi solari in manifestazione: alba, mezzogiorno, tramonto
6) Nell'uomo la sua triplice manifestazione come corpo, emozioni, sentimenti/pensieri e spirito, ma anche l'Azione, il Sentimento, il Pensiero e le tre età: infanzia, maturità, vecchiaia.
7) La Dea nel suo triplice aspetto di Vergine-Madre-Vecchia/Figlia-Madre-Sorella.
8) La triplice specializzazione della dea Brigit come custode e dispensatrice del Fuoco Sacro, in quanto protettrice dei poeti, dei fabbri e dei guaritori.
9) Il simbolo della trinità femminile della battaglia Morrigan-Macha-Boadb e di quella maschile Ogma-Lugh-Dagda
10) Il segno sul quale Patrizio spiegherà il concetto della Trinità Cristiana (in realtà un'idea del cristianesimo celtico) agli irlandesi, trasformando però il triskele in un trifoglio.

Ci sarebbero ancora molte cose da dire, ma per ora questo è tutto!

A presto!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ma che bel streghetto, continua così.............
TVTRB
do

Tanuja ha detto...

Thanks for sharing such an informative blog.
Picknhook